di Andrea Broccoletti

Quella del festival del giornalismo è per la città di Perugia un’occasione unica per divenire, per alcuni giorni all’anno, capitale mondiale dell’informazione. Nel 2014 si corse il serio rischio di perdere questo evento che, assieme a poche altre manifestazioni cittadine, offre quella vitalità, e quel palcoscenico, che il centro storico merita; ma in quei momenti la consapevolezza delle potenzialità di Perugia è stata (ed è ancora) così forte negli organizzatori i quali riuscirono ad evitare il peggio, consentendo la continuazione di questo straordinario evento culturale. I perugini non possono che ringraziare. Nonostante le sue modeste dimensioni, Perugia ha da sempre potuto vantare una spiccata vocazione internazionale grazie anche al singolare ruolo che, l’Università per Stranieri di Perugia, ambasciatrice dell’Italia nel mondo, ha saputo svolgere negli anni. Questo aspetto è tangibile in maniera ancora più marcata durante i giorni del festival nei quali si respira un’aria stimolante e coinvolgente che unisce tante culture diverse in nome di un’unica grande passione, quella per l’informazione e l’attualità. L’evento rappresenta una concreta occasione per i tanti giovani, soprattutto studenti, che arrivano a Perugia da ogni parte del mondo per dare il proprio supporto come volontari. Un’attività questa che, seppur non retribuita , ma, appunto, volontaria, è ben ripagata dal prestigio che offre. Volontari e professionisti del mondo giornalistico italiano ed internazionale si trovano a condividere gli stessi luoghi nei quali si hanno occasioni di dibattito e di condivisione tra più punti di vista; il tutto in un gradevole clima di rispetto reciproco che favorisce quel necessario senso di rispetto che si deve a chi professa un’opinione diversa dalla propria.

https://www.festivaldelgiornalismo.com/